Difese immunitarie

In questo periodo così incerto, nel quale abbiamo dovuto affrontare piccole grandi sfide quotidiane, desidero condividere con te alcune mie conoscenze nell’ambito della salute per vivere in armonia con la natura.

In questi mesi abbiamo dovuto mettere mascherine, attuare il distanziamento sociale, lavarci spesso le mani ma quello che mi rammarica molto è che non si è data la giusta importanza a chi ci ha aiutato ad arrivare fin qui attraverso i secoli affrontando insieme a noi epidemie, guerre e carestie: il nostro sistema immunitario.
È proprio da qui che voglio partire con i miei articoli che mi auguro possano essere per te spunto di riflessione.

Il sistema immunitario: cos’é e come funziona

Il sistema immunitario è una rete complessa di difesa del nostro organismo nei confronti del mondo esterno, costituito da molteplici sostanze e microrganismi, molti dei quali percepiti come estranei e pericolosi.

Esistono due tipi di risposta immunitaria: quella innata, aspecifica, che riguarda le difese presenti sin dalla nascita con reazioni rapide, ad esempio la pelle, le mucose, i macrofagi (un tipo di globuli bianchi), la flora batterica intestinale e quella acquisita o specifica, che prevede il riconoscimento di un elemento patogeno che ha superato le difese del primo tipo di immunità.

difese immunitarie

Il sistema immunitario è contenuto per due terzi nell’intestino. Nel corso della gravidanza, l’intestino del bambino è sterile e la protezione contro malattie e infezioni è fornita unicamente dagli anticorpi della madre che attraversano la placenta. Questo processo è detto immunità passiva.

Durante il parto naturale, il passaggio del bambino attraverso il canale vaginale lo espone al contatto con i batteri della madre. Questi batteri colonizzano l’intestino del bambino e aiutano ad attivare il suo sistema immunitario.

I bambini nati con parto cesareo tendono ad avere minori concentrazioni di batteri benefici nell’intestino e possono essere esposti a un maggiore rischio di allergia e diarrea. Ciononostante, nei casi in cui il parto naturale può essere rischioso, i benefici del parto cesareo sono indubbiamente superiori ai suoi possibili svantaggi.

Un altro importantissimo fattore per la creazione delle difese immunitarie è l’allattamento al seno che, oltre a fornire tutti i nutrienti di cui il bambino ha bisogno per un sano sviluppo e una crescita ottimale, il latte materno contiene oligosaccaridi prebiotici, che promuovono la proliferazione della flora batterica intestinale.

Nel tempo l’organismo, venendo a contatto con agenti esterni dannosi, crea il sistema immunitario specializzato che garantisce la risposta difensiva a quel determinato patogeno. I linfociti, globuli bianchi specifici, conservano la memoria del primo contatto con l’agente patogeno e rispondono in maniera rapida e incisiva se dovesse ripresentarsi.

Quando il sistema immunitario si sente minacciato, innesca una situazione complessa che usa l’infiammazione, locale o generalizzata, e la febbre come strumenti per respingere le minacce e favorire la guarigione. Quindi anziché sopprimere queste condizioni in modo indiscriminato conviene permettere loro di compiere la loro funzione fisiologica. 

difese immunitarie

Perché si indeboliscono le difese immunitarie

Purtroppo nell’ultimo secolo le profonde modificazioni ambientali e alimentari hanno messo a dura prova un meccanismo perfetto. 

Esistono molti modi con i quali possiamo indebolire il nostro sistema immunitario. Uno di questi è l’uso indiscriminato di farmaci, soprattutto antibiotici, responsabili di tre grossi problemi: la distruzione della flora batterica fisiologica dell’organismo, il fenomeno della resistenza batterica cioè dell’adattamento di molti batteri all’azione degli antibiotici e infine la depressione del sistema immunitario.

A ciò si aggiunge il profondo cambiamento degli stili di vita, sempre meno idonei a sostenere il nostro sistema immunitario; stiamo parlando in primis dell’alimentazione, dove questi cibi manipolati, inquinati, raffinati e pieni di additivi chimici danneggiano pesantemente la nostra risposta immunitaria. Questi cibi iperacidificano il nostro organismo, creano squilibri ormonali, metabolici e immunitari, ed infine ci caricano sempre più di tossine pesanti da smaltire.

Il sistema immunitario è la nostra difesa più importante nei confronti di un ambiente spesso nocivo e oggi più che mai corriamo il rischio di sottovalutare il problema di un suo indebolimento.

Acquisendo consapevolezza di questo, possiamo fare molto per invertire questa tendenza, se vuoi io sono qui per qualsiasi dubbio o chiarimento e insieme possiamo costruire un mondo migliore.

Un abbraccio e a presto

Nirvana

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *